— Alessandro Maria Nacar

Archive
Sketch

Al bar del teatro mi innamoro di lei, di come regge il calice di rosso. Ricambia lo sguardo e penna su taccuino schizzo il suo viso. Mi segue a spettacolo finito. Mentre slego la bici aspetta ferma a qualche metro. Accende una sigaretta. La saluto inchinando la testa come un giapponese e fuggo.

“Una milanese in campagna è una contadina in carriera”

Ritratto per quarta di copertina

“Vuoi lavorare per noi? Attento però, se chiedi di essere pagato non ti rispondo”

Acrilico, china e cane su carta.